Con la cultura non si mangia

di Susanna Turco

Fonte: L'Espresso - 27/08/2017

Visualizza la recensione

La strana coppia PROPOSTE Il rilancio dell'Italia è nella sua storia. Sgarbi e Tremonti scrivono, a sorpresa, un saggio insieme. Sognando un nuovo movimento politico Io sono l'avventura, Giulio la prudenza», dice l'uno. «Io sono il diavolo, Vittorio l'acquasanta», dice l'altro. Adesso che Vittorio Sgarbi e Giulio Tremonti si sono messi in tandem alla guida della stessa impresa (saggistica, per ora), meglio insomma non chiedersi chi, tra i due, si senta addosso i panni di Vittorio Gassman e chi quelli di JeanLouis Trintignant. Ma in un agosto molto lontano dagli anni raccontati dal capolavoro di Dino Risi, l'accoppiata è davvero inedita e sorprendente, degna di un Sorpasso sia pur in versione di prosa politica. Irregolari, autonomi, dissenzienti, ciascuno a modo suo nel vasto mondo (grossomodo) del centrodestra: Sgarbi e Tremonti hanno unito attitudini e atipicità per costruire "Rinascimento", in uscita il 30 agosto per la nuova Baldini&Castoldi, che L'Espresso ha letto in anteprima. Un saggio, intanto, "manifesto per uscire dal nuovo Medioevo", il nostro mondo in decadenza e consegnato "allo straniero". L'assaggio - il benchmark direbbe forse Tremonti - per una possibile avventura politica, che secondo una perfetta disposizione dei due caratteri l'uno dà per certa «al 95 per cento», l'altro solo per «possibile» quando non eventuale. Intanto, un punto fermo: la cultura al centro. Gli Uffizi come la Volkswagen.


Libri associati