Premi ad honorem e serate celebrative l’Italia non si vergogna più di Malaparte

di Osvaldo Guerrieri

Fonte: La Stampa - 17/05/2017

Visualizza la recensione

Piace l'idea di Veltroni di dedicare lo Strega alla sua memoria
Il sasso è di Walter Veltroni. Con la scusa di presentare in concorso allo Strega il romanzo Malaparte - Morte come me della coppia MonaldiSorti, ha lanciato una proposta che rischia di avere conseguenze molto serie. Dice Veltroni: perché quest'anno lo Strega non viene assegnato alla memoria di Curzio Malaparte? A sessant'anni dalla morte dell'arcitaliano più detestato e corteggiato del '900, il riconoscimento postumo punterebbe i riflettori non sui trucchi e sulle giravolte di Narciso, ma sullo scrittore che finora ha pagato un duro prezzo alla cattiva fama. Il premio ad honorem sarebbe un risarcimento. Nel '50 Malaparte fu candidato allo Strega con il romanzo La pelle, ma vinse La bella estate di Cesare Pavese.


Libri associati