Colette la trasgressiva e l’inquietudine del tradimento

di Giuseppe Scaraffia

Fonte: Il Messaggero - 21/09/2015

Visualizza la recensione

Sono sola da un mese. Se n'è andato senza una parola mentre facevo un giro di conferenze. Io divorzio.», scriveva Colette nel 1924. In quell'anno difficile usciva questa significativa raccolta di racconti assenti in Italia dal 1967, La donna celata , plasticamente tradotti da Raffaella Patriarca. Sono pagine terse e apparentemente semplici, scritte con quel vocabolario limitato di parole solide e comuni che la romanziera aveva consigliato al giovane Simenon


Libri associati