La forma minima della felicità. Di Francesca Marzia Esposito.

di Francesca Mazzucato

Fonte: D.Repubblica.it - 26/04/2015

Ho letto due volte “La forma minima della felicità” ed è forse il romanzo più interessante e sorprendente che mi sia capitato negli ultimi tempi. Un romanzo che finisci con dispiacere, che ricominci per necessità. Un libro importante. C'è una frase di Don DeLillo, all'inizio. E Don DeLillo l'ho ritrovato fra le pagine, l'ho respirato nei capitoli, fra le righe, i corsivi, il maiuscolo, è una Milano- Cosmopolis, inaspettata, sfilacciata e cangiante quella che fa da sfondo alla storia... CONTINUA A LEGGERE


Libri associati