La poesia di un pianista errante nel mondo che sembra impazzito

di Aldo Cazzullo

Fonte: Corriere della Sera - 02/06/2016

Visualizza la recensione

Sembra una storia d'amore, invece è un viaggio il primo romanzo di Maurizio Crosetti, inviato di «Repubblica» per una volta fuori dallo sport: Esercizi preparatori alla melodia del mondo. Un viaggio che comincia da un'istantanea, quella del pianista che suona Imagine davanti al Bataclan il giorno dopo la strage: ma il vero pianista ambulante di Parigi - quello con il pianoforte attaccato alla bicicletta - è, per l'appunto, solo l'inizio. Tutto il resto è pura invenzione, e un poco racconto di formazione.
Il pianista di Crosetti suona nei luoghi del dolore: Taksim, Kiev, l'Afghanistan, New Orleans dopo il tornado, Ground Zero. Suona lì, perché pensa che l'arte serva a consolare il mondo offeso. Ma suona prima per se stesso, per rispettare una strana vocazione di bambino: quando cominciò a studiare musica dopo aver visto una ragazzina che faceva la stessa cosa dietro una finestra del Conservatorio, e per guardarla doveva arrampicarsi, e dopo averla vista una volta non ha saputo smettere. Finché lei se n'è andata e lui ha cominciato a inseguirla, a cercarla. Se poi si troveranno, è una cosa che sembra centrale e invece no, e che naturalmente non sveleremo.


Libri associati