Quei geni in ostaggio delle loro ossessioni

di Daniele Abbiati

Fonte: Il Giornale - 09/06/2016

Visualizza la recensione

Otto ritratti «dall'interno»: Picasso dominato dal proprio ego, Cary Grant dal fantasma della madre, Joseph Kennedy dalla politica NON SOLO BESTSELLER C'è anche Stephen King in crisi di ispirazione: il suo padrone è la scrittura LEGGENDE Hemingway, Salinger, Poe: ciascuno ha il suo demone E tutti pagano un prezzo
La lettura è la forma embrionale della scrittura. Lo sa bene chi di lettura campa. E come ci campa? Scrivendone. Il recensore e il critico, quando parlano di un libro parlano prima (in forma embrionale) della lettura di quel libro, e poi del corpo del libro, delle sue ossa, dei suoi muscoli, dei suoi nervi, dei suoi organi. La lettura è il seme che il lettore affida all'autore affinché lo trasformi in rosa, in quercia, in uomo, in donna. Gian Paolo Serino è uno del ramo, campa cioè abitualmente di lettura, e le sue letture diventano, con piena Satisfiction di altri lettori, scrittura, anche su questo giornale. Ma stavolta ha compiuto l'esperimento di coltivare da sé una manciata di semi. E gli otto racconti, le otto persone che ha (ri)generato in laboratorio compongono il romanzo delle sue letture.


Libri associati