I segugi della Storia danno scacco ai poteri occulti

di MIRELLA SERRI

Fonte: La Stampa - 05/11/2016

Visualizza la recensione

Sotto accusa i filologi classici che falsificano il passato e anche l'opportunismo di Galilei "Mysterium", i l quarto capitolo del thri ller storico ambientato nel '600 tra papi corrotti e re ambiziosi, spie e pirati, manoscritti seg reti e verità manipolate.

Il dottor Sottile, Giuliano Amato, cita Machiavelli e Rousseau; Giuliano Ferrara parla di eccesso di «secolarizzazione del sacro»; Vito Mancuso evoca Hobbes; Franco Cardini fa scendere in campo Lévi-Strauss; Rita Monaldi e Francesco Sorti discettano sul governo come arte della simulazione, rifacendosi al cardinal Mazzarino. Già, proprio così: al tavolo dei relatori chiamati a discutere all'Archivio di Stato di Roma de «Il rapporto tra Verità e Potere e le sue declinazioni: politica e religione, fede e scienza, documenti e storia», siede anche la famosa coppia di giallisti Monaldi&Sorti, oltre al giudice costituzionale Amato, all'altro grande Giuliano del giornalismo e della politica, al teologo Mancuso e allo storico Cardini. Sotto la statua benedicente di Alessandro VII si presentano due volumi apparentemente molto diversi ma uniti da un unico tema, la politica e il libero arbitrio: Dio e Cesare. Storia ed evoluzione del rapporto tra religioni e politica - raccolta d'interviste ai presenti alla discussione e a Luciano Canfora, Hans Küng, Alberto Melloni, Piergiorgio Odifreddi a cura di Gabriele Palasciano - e il monumentale romanzo seicentesco di Monaldi&Sorti, Mysterium. In questo racconto di circa 800 pagine gli scrittori si cimentano con le peripezie del cantante castrato Atto Melani ma anche con temi forti, alti, come la disamina della filologia e della ricerca scientifica, manifestazioni di una volontà di potenza che spesso ci inganna «elevando mere ipotesi a certezze» (entrambi i libri sono pubblicati da Baldini&Castoldi).


Libri associati